La Langa Astigiana: scenari da favola immersi nella natura

Leggi l'articolo

Visitiamo questo affascinante territorio un p fuori dal tempo, dove si mantengono le sane abitudini e si producono eccellenze enogastronomiche

Il confine più a Sud della provincia di Asti, tra la Bormida di Millesimo e quella di Spigno, è formato da un territorio collinare dedicato alla coltivazione di cereali nelle aree pianeggianti, a vigne alternate a prati nella parte più bassa delle colline, e ricoperto da boschi nei picchi più alti in cui crescono rovellere, castagni, trassini e taggi.

Queste aree boschive, dove crescono copiosi funghi e tartufi, sono l'habitat ideali per cinghiali, caprioli, faine, donnole, scoiattoli, lepri, ricci, talpe e ghiri.

Il fiume Bormida scorre oggi in totale limpidezza dopo svariani anni di grossi problemi di inquinamento, e ospita oggi varie specie marine di acqua dolce come trote, pesci gatto, cavedani, carpe, e da colonie di cormorani e aironi cenerini, che scelgono queste acque per niditicare.

I 16 piccoli comuni che si susseguono  tra Castel Boglione e Serole costituiscono l'unica Comunità montana dell'Astigiano, che prende il nome di Langa Astigiana-Val Bormida.

Queste località un pò sospese nel tempo non sono percorse da grandi arterie di comunicazione, questo rende possibile dedicarsi alla produzione enogastronomica di grandissima qualità in cui spiccano le nocciole, in queste terre si coltiva la nota qualità tonda Gentile, i salumi e i formaggi, su tutti la celebre robiola di Roccaverano.

Monastero Bormida, come d'altronde tutti i borghi dell'Alta Langa, ha una forte vocazione all'agricoltura e all'allevamento caprino, ma riveste anche un interesse turistico per la presenza di vestigia medievali di grandissimo interesse.

Il castello infatti rappresenta l'icona di tutto il paese, tanto che oggi ospita la sede comunale: fu costruito per essere un monastero ma venne ben presto trasformato in una vera e propria fortezza dalle possenti torri angolari, ancora oggi ben visibili.

Ad addolcire la ruvida struttura esterna troviamo una deliziosa una loggetta rinascimentale: al suo interno è possibile ammirare meravigliosi affreschi e pavimenti a mosaico.

Infine, il castello è unito ad una torre campanaria romanica da un arco in pietra. Proseguendo il cammino lungo la valle si incontra il paese di Bubbio.

La sua chiesa parrocchiale dedicata all'Assunta è costruita in stile tipico barocco, mentre il castello è una dimora signorile risalente al 700, eretta sui resti di un antico maniero medievale.

Nei pressi di Bubbio non si può perdere lo strordinario panorama che si può ammirare nella cappella di San Grato, il protettore locale dei raccolti dalla grandine.

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo subito sui tuoi social preferiti!!

Eventi e tradizioni nell'Alta Langa

Dalla sagra del polentone alla celebrazione dei cani meticci. Il santuario di Vicoforte, il fiume Belbo e i simboli di una natura incontaminata

Il santuario di Vicoforte, un monumentale impianto architettonico situato a poca distanza da Mondovì, è caratterizzato dalla sua straordinaria cupola di forma ellittica.

Vai all'Articolo

Ceva, Montezemolo e Saliceto, in giro per i borghi dell'Alta Langa

Il fascino storico del Borgo Medievale di Ceva, il paesaggi mozzafiato di Montezemolo, i castelli di Saliceto. Un itinerario magico nel cuore dell'Alta Langa

L'antichissimo borgo medievale di Ceva sorge in un piccolo cuneo formato dal tiume Tanaro e dal ruscello Cevetta, ed caratterizzato dalle sue celebri vie porticate, da meravigliosi loggioni, voltoni e dalle sue alte gradinate.

Vai all'Articolo

Da Cortemilia a Mombarcaro: i paesaggi mozzafiato delle Langhe

Un viaggio tra antichi castelli, sentieri dispersi nella natura, panorami con vista mare ed eleganti palazzi

Cortemilia è un centro molto importante delle Langhe, il suo nome deriva da un reparto di fanteria romana ed è sovrastata dall'alta torre cilindrica, originaria del Duecento, e dal resti del castello.

Vai all'Articolo

Mango e Castino: fascino e storia nel cuore delle Langhe

I capoluoghi dell'Alta Langa, un meraviglioso tour tra il fascino storico di borghi deliziosi, il relax e il buon cibo.

Il primo e più importante centro dell'Alta Langa è senza dubbio Mango, situato su una collina alta 521 metri della zona occidentale delle Langhe, venne fondata nel XIII secolo a seguite della distruzione dei forti di Prave, Vene e Vaglio.

Vai all'Articolo

L'Alta Langa: paesaggi e scenari meravigliosi tra vallate e colline

Un meraviglioso viaggio alla scoperta dei territori e delle bellezze naturalistiche dell'Alta Langa: itinerari turistici e centri di interesse storico, artistico e culturale

A differenza dei morbidi profili caratteristici della regione "Bassa", l'Alta Langa si dintingue per i suoi scenari davvero suggestivi, tra le alture e le vallate.

Vai all'Articolo

I piccoli e antichi villaggi dell'Alta Langa: da Cessole a Perletto

Un viaggio attraverso i villaggi ridenti di questa regione: reperti romani e medievali, bastioni e torri da cui e possibile ammirare paesaggi spettacolari

Nel borgo arroccato di Cessole si respira davvero la tipica atmostera medievale.

Vai all'Articolo

Vuoi contattarci?

Per chiarimenti, per ricevere ulteriori informazioni o richieste, o per comparire nelle pagine del nostro sito non esitare a contattarci.

Video

I nostri Portali

SITI.IT

I migliori siti per categoria

PIAZZE.IT

Il Portale dei Comuni Italiani

FOOD.IT

L'eccellenza a tavola

NAVIGARE FACILE .IT

Risorse e Portali Web